I miei studi

Pochi giorni prima della laurea, una persona cara mi ha detto: “Eppure non ti ci vedo senza studiare. Secondo me alla fine troverai il modo per farlo anche quando ti sarai laureata.”
A giudicare dal numero di corsi a cui mi sono iscritta anche dopo aver conseguito quel titolo tanto agognato, mi sa che aveva ragione.

 

2013 – La giornata del traduttore
organizzata da STL e EST, prevedeva una serie di seminari su temi centrali del mondo della traduzione, quali la traduzione editoriale, la specializzazione,  il marketing (self e non) e gli aspetti fiscali

2013 – Laboratorio di autonomia
tenuto dalla European School of Translation, docente Daniele A. Gewurz dei Dragomanni, al termine del quale abbiamo pubblicato l’ebook Sul treno per dovevuoiandaretu

2013 – Online Winter School 2013: verso l’autonomia
tenuto dalla European School of Translation

2012 – Strategie e metodologie di promozione alla lettura
tenuto da TRIO, il sistema di web learning della Regione Toscana

2011 – Parole per dire: tradurre per il cinema e per la televisione
docenti Filippo Ottoni, presidente dell’Associazione Italiana Doppiatori e Adattatori Cinematografici, Elettra Bisetti, doppiatrice e direttrice del doppiaggio, e Marina D’Aversa, adattatrice dialoghista

2011 – Dall’autore al lettore: i mestieri del libro
docente Claudia Tarolo, coeditore di Marcos y Marcos

2011 – Laurea magistrale in Traduzione letteraria e saggistica
conseguita presso l’Università degli studi di Pisa con una tesi dal titolo Lost in dubbing: dietro le quinte del mondo del doppiaggio passando per «Lost in Austen»

2008 – Laurea triennale in Letterature europee per l’editoria e la produzione culturale
conseguita presso l’Università degli studi di Pisa con tesi dal titolo Gallica: una biblioteca glocale

2004 – Diploma di maturità in Perito aziendale e corrispondente in lingue estere
conseguita presso l’Istituto Tecnico Commerciale Enrico Fermi di Empoli (FI) con tesina interdisciplinare letteratura italiana, letteratura spagnola, letteratura inglese e storia dell’arte dal titolo Io e il mio doppio

Lascia un commento