Giorni così

Giorni così, in cui ti svegli e la avverti subito quella voglia di non lottare.

Quando suona la sveglia, ma tu vorresti restare in pigiama a guardare il soffitto in silenzio e ogni tanto buttare un occhio all’orologio solo per lamentarti che il tempo non passa mai. Quando capisci che, se facessi qualcosa di costruttivo, il tempo passerebbe più in fretta, ma rimani lì a guardare il soffitto e il tempo continua a non passare.

http://www.designerspics.com/

http://www.designerspics.com/

Quando le previsioni annunciano acqua a catinelle e tu speri proprio che sia vero, anche se hai delle cose da fare e devi prendere la macchina, devi prendere il treno e farti anche un pezzo di strada a piedi, ma tu quel giorno del sole non hai proprio voglia.

E quando ti alzi e fai quello che devi fare, sei soddisfatta del cielo terso e del venticello che ti ha costretta a ripescare la maglia a maniche lunghe dal fondo dell’armadio, perché tirarti giù le maniche è un gesto che ti dà conforto fin da quando eri bambina. E poi le strade sono semi deserte, il che è una cosa positiva, perché ti fanno sentire come se fossi ancora nel letto disfatto a guardare il soffitto. La radio è accesa ma neanche te ne accorgi.

the_way_hires

http://www.designerspics.com/

Sono giorni in cui non riesci a leggere, ad ascoltare la musica, a guardare un film o una puntata di qualche telefilm perché non sei in vena di cose allegre e quelle tristi ohmiodiosonotristi e non ne hai proprio bisogno.

Giorni in cui perfino il tuo taglio di capelli è in un limbo, e ti ritrovi a leggere articoli tipo Capelli: come farli ricrescere (passaggio per passaggio) ma le foto di Charlize Theron non appagano la tua voglia di abbrutimento.

Giorni in cui tutto sembra essere semplicemente troppo.

Giorni così, che poi per fortuna passano.

One comment

Lascia un commento